Cerca
Close this search box.
Israele manifestanti

“Caro Kadosh Baruch Hu”.

Una lettera di Angelica Edna Calò Livne

Caro Kadosh Baruch Hu

Signore del mondo…

Angelica manifestazioni in IsraeleSì, ti scrivo da un kibbutz dell’Hashomer Hatzair…il movimento sionista grazie al quale sono venuta qui, in Israele, da Roma. Da una casa di antiche tradizioni ebraiche, che benediceva ogni venerdì sera davanti alle candele accese, che mi ha insegnato il rispetto e il legame profondo al mio popolo. Ti scrivo davanti al Monte Hermon, davanti alle alture del Libano, davanti ai miracoli della tua creazione e ti ringrazio, come ogni giorno, per la sublime bellezza che ci hai donato. Ti scrivo con la coscienza profonda che mi fa accogliere tutte le tue creature, indipendentemente dalla religione, dal sesso o alla cultura a cui appartengano. Guardo assorta una farfalla che si posa su un nuovo fiore nel mio giardino e cerco di cancellare dalla mente le immagini che mi attanagliano il cuore: un branco di uomini mascherati con la kippa sul capo che bruciano e distruggono case con odio, vendetta e violenza. Proprio come i cosacchi nelle città ebraiche della Russia e della Polonia alla fine del 1800… Sento i loro grandi sogni: salire con i bulldozer sul Monte del Tempio, abbattere le moschee per costruirTi una nuova, magnifica casa, proprio come è scritto nel libro sacro…

Non posso crederci mio ​​Dio! È questo che conta per te? Una nuova casa? Lo Stato di Israele non è una casa meravigliosa? Una casa costruita dalla desolazione, dalla disperazione, con il sangue di 18.000 vittime? Dopo sei milioni di altre vittime ebree?

Non riesco a capire mio Dio… ami alcuni dei tuoi figli e delle tue figlie più degli altri? Preferisci qualcuno che sradica a qualcuno che pianta? Chi sfugge dalla responsabilità di proteggere il tuo paese a qualcuno che con tutta la sua anima, con tutto il suo cuore e con tutte le sue forze protegge ogni bambino, donna, persona, pietra e pianta di Israele da sempre, dal momento in cui è stata dichiarata Stato…e anche prima?

Sono questi i giorni del Messia che tanto desideravamo? Mio caro Signore del cielo e della terra, il tuo popolo sparso per il mondo si è trasformato in un gregge di pecore e lupi, di capretti e tigri che si odiano. Ad alcuni di loro con mano forte e braccio teso viene ordinato di colpire e ferire gli altri tuoi figli. Sì, lo so, dall’alba della storia succede tutto questo e Tu… cosa puoi fare quando un fratello colpisce suo fratello? Tu hai creato, l’umanità… e ci hai dato il diritto di decidere il nostro destino…

Cosa mi stai dicendo Signore mio? Che Tu non sei responsabile di ciò che sta accadendo. Che anche per Te è terribile vedere tutto questo… che anche Tu senti frustrazione e dolore per come le Tue leggi sono state distorte e travisate?

Ti prego, Dio d’Israele, manda il profeta Elia a mettere un po’ d’ordine, a informare tutti i falsi messia che non è la guerra fratricida, l’arroganza e il dispotismo che auspicavi… il mare bianco e azzurro delle nostre bandiere non basta per fermare il delirio!

Leggi anche:

Quale futuro per Israele dopo il voto (Sergio Della Pergola)

Israele al risveglio dalle elezioni (Angelica Edna Calò Livne)

Israele è un paese diviso (Sergio Della Pergola)

La riforma di Netanyahu (Michael Sierra)

Le proteste in Italia (Itamar Danieli)

Protestiamo per difendere la democrazia israeliana (Jonathan Sierra)

Le proteste continuano, per il bene di Israele (Sergio Della Pergola)

Quel che Israele insegna all’Occidente (Fabio Nicolucci)

In Israele si continua a manifestare (Daniela Fubini)

Israele spartiacque per l’Occidente (Gabriele Segre)

Israele al bivio (David Assael)

La riforma e gli ebrei religiosi (Michael Ascoli)

Questa riforma è pessima (Renzo Ventura)

Israele deve difendere il suo miracolo (Lucio Caracciolo)

Guardo a Israele con preoccupazione e ottimismo (Wlodek Goldkorn)

Israele non ha più una guida sicura (Sergio Della Pergola)

8 risposte

  1. Ancora una volta, una tua preghiera “laica”, ma carica di vera fede, commuove, induce al pianto ma apre alla speranza.
    Un abbraccio e un forte augurio di בהצלחה… Ce la farete, ce la faremo.
    עם ישראל חי

  2. Mi sarebbe piaciuto leggere una lettera simile durante l’itnatkut, mentre cacciavano molte famiglie di ebrei dalla propria terra. La sinistra moderna assomiglia più a un regime dittatoriale frustrato che a una democrazia. Parlano tanto di democrazia, ma non ne conoscono il significato

  3. Anche da parte mia, cioè da parte di un vecchio chaver dell’Hashomer Hatzair, un forte abbraccio ad Angelica Edna.

  4. Caro Reuven (che non metti il cognome)
    Non so cosa è l’itnaktut, e avresti fatto bene a spiegare cosa è a chi legge
    Potresti anche spiegarci quale è secondo te il significato delle parole democrazia e dittatura
    Perché mi hai confuso un poco le idee ( o forse sei confuso tu…)

  5. La hitnatkut è quando il governo Sharon decise di rinunciare e smantellare gli insediamenti israeliani all’interno della striscia di Gaza e mandò l’esercito a eseguire l’ordine, suscitando le proteste di chi ci abitava e dei loro fiancheggiatori

  6. quanta ipocrisia e odio in queste brutte parole, la contraposizione tra noi e loro …… mi ricorda i regimi ”democratici” del secolo scorso
    in questa vicenda non ci sono torti e ragioni, quello che manca – e questo articolo ne e’ un esempio – e la capita’ di ascoltare e rispettarsi vicendevolmente

  7. A pochi giorni dalla tragedia che ha colpito Israele prego perché le persone di buona volontà non finiscano travolte dall’urgenza della difesa dal male.
    Prego per voi e vi abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter