Pagine scelte

In primo piano

Topografia della Memoria

Topografia della Memoria Martin Pollack è un autore che da anni riflette sulla necessità di conservare la memoria. A cominciare dai luoghi che la custodiscono   La memoria come dovere e testimonianza. La memoria come dolore necessario a dissolvere i fantasmi del passato. La memoria come legame indissolubile con la propria storia e identità. E ancora, la memoria come ricerca

Leggi Altro »
In primo piano

4 donne per un secolo nuovo

4 donne per un secolo nuovo Hannah Arendt, Simone De Beauvoir, Any Rand e Simone Weil sono quattro donne (di cui 3 ebree) che hanno lasciato idee capaci di incidere a fondo nel nostro mondo, come spiega ora un libro: “Le visionarie” Non sarebbero state ricordate come quattro amiche al Bar, per dirla come Gino Paoli né come quattro moschettiere

Leggi Altro »
In primo piano

“Per lei volano gli eroi”, il capolavoro di Amir Gutfreund

“Per lei volano gli eroi”, il capolavoro di Amir Gutfreund Si può comprendere Israele per mezzo di un libro e di una serie Tv? Lo scrittore Amir Gutfreund certo ha dato un contributo importante. Nel capolavoro di Amir Gutfreund “Per lei volano gli eroi” non ci sono i grattacieli di Tel Aviv  e nemmeno le barbe degli haredim di Gerusalemme

Leggi Altro »
Ebrei russi Birobidzhan
In primo piano

Dove gli ebrei non ci sono di Masha Gessen

“Dove gli ebrei non ci sono”, di Masha Gessen, è una storia triste e assurda accaduta agli inizi negli anni Trenta. “La peggiore buona idea mai concepita”, il folle tentativo, su idee già abbozzate nel finire del decennio precedente in Unione Sovietica, di costruire uno stato ebraico, all’interno del mondo comunista. Una risposta del regime che forse vuole esaudire alcune

Leggi Altro »
A. B. Yeoshua
In primo piano

La figlia unica, di Abraham Yeoshua

“La figlia unica”, recentemente pubblicato da Einaudi, è l’ultimo lavoro di Abraham Yehoshua, un grande della letteratura mondiale. Bisogna arrivare all’epilogo di questo breve libro di Abraham Yehoshua, non un capolavoro ma un condensato di spunti critici e di riflessione, un testamento dello scrittore israeliano ultraottantenne giunto ormai alla consapevolezza che molte domande rimarranno senza risposta, molti conflitti senza soluzione

Leggi Altro »
Cristal Night
antisemitismo

Notte dei Cristalli. Perché i tedeschi, perché gli ebrei?

In ricordo della Notte dei Cristalli (tra il 9 e il 10 novembre 1938). Perché i tedeschi, perché gli ebrei? La domanda di sempre, la questione che tutti tentano e cercano di analizzare è il titolo ed il cuore del libro di Götz Aly. Götz Aly, storico e giornalista tedesco, nato ad Heidelberg nel 1947 e professore all’università di Francoforte.

Leggi Altro »
In primo piano

“La città senza ebrei” di Hugo Bettauer

“La città senza ebrei” di Hugo Bettauer All’inizio del Novecento uno scrittore immagina uno Stato in cui gli ebrei vengono espulsi. Il finale del romanzo, molto diverso dalla realtà tragica del Novecento, mostra l’importanza della presenza ebraica nel mondo Fino al 1867, a Vienna la presenza ebraica era contingentata. Solo in quell’anno, infatti, una nuova legislazione sancì l’uguaglianza dei diritti

Leggi Altro »
In primo piano

Il ritorno di Tosca

Il ritorno di Tosca Tosca Di Segni, con il suo diario di recente edito, racconta i viaggi di una famiglia ebraica romana, costretta a subire la deportazione, il ritorno alla vita, la ricerca di un posto saldo dove tornare a vivere “Il Ritorno di Tosca. Auschwitz-Roma-eretz Israel-Roma” (a cura di G. Tagliacozzo, Silvio Zamorani Editore, 295 pp., 24 euro) è

Leggi Altro »
In primo piano

Opporsi alla conversione

Opporsi alla conversione Susanna Limentani, dopo un’accurata ricerca di archivio, ha riportato alla luce la storia di Pacifica Di Castro, ebrea romana che nel XVII secolo si oppose alla conversione forzata, pagando un prezzo tragico Susana, come sei arrivata a scrivere il libro? Tutto ha avuto inizio con il mio percorso di studi per la Laurea in studi ebraici. Durante

Leggi Altro »
Pagine scelte

L’arma del desiderio

L’arma del desiderio Tiziana Della Rocca indaga le forme e gli eccessi che assume il desiderio maschile e femminile, nel suo primo saggio dopo l’esperienza da free-lance Una caratteristica del desiderio (…) è la sua sfrenatezza. Per quanto la realtà gli imponga dei limiti, il desiderio non può essere contenuto, dato che non si soddisfa con la realtà; anzi, la

Leggi Altro »

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter