Riflessi 9

Italia

Shoah e foibe: pari sono?

Shoah e foibe: pari sono? Poche settimane fa Fratelli d’Italia ha presentato un progetto di legge che mette sullo stesso piano la Shoah e le foibe. Abbiamo chiesto a uno storico, Miguel Gotor, un’opinione al riguardo. Professor Gotor, di recente il partito dei Fratelli d’Italia ha presentato un progetto di legge per equiparare il negazionismo delle foibe a quello della

Leggi Altro »
Riflessi 9

Una comunità in bilico ma tenace

Una comunità in bilico ma tenace Lydia Schapirer è da sei anni Presidente della comunità ebraica di Napoli; a lei abbiamo chiesto di parlarci del mondo ebraico napoletano. Gentile presidente, è vero che anche la storia della sua famiglia si inserisce in quella tutta particolare degli ebrei di Napoli? Sì. Mio padre era nato a Istanbul, e la sua famiglia

Leggi Altro »
Riflessi 9

Una comunità fragile e unita

Una comunità fragile e unita Nel nostro viaggio nell’ebraismo italiano arriviamo a Napoli, la comunità più a Sud d’Italia. Sandro Temin ha una lunga esperienza comunitaria, consigliere dal 1985 al 2015, e poi di nuovo dal 2019, oltre che attuale consigliere Ucei. Da lui parte il breve tour di Riflessi. Sandro, come si potrebbe descrivere la comunità ebraica di Napoli?

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Trovare una guida per non smarrirsi

Trovare una guida per non smarrirsi Rav Ariel Di Porto, rabbino capo di Torino, ci parla di cosa siginfica essere rabbini, e di due temi di stretta attualità: le coppie miste e la lashon harà sui social Buongiorno Rav Di Porto. Da 7 anni lei, ebreo romano, è Rabbino Capo a Torino; come si trova ad operare in una Comunità

Leggi Altro »
Italia

Il cacciatore di nazisti

Il cacciatore di nazisti Da Marzabotto a S. Anna di Stazzema, Marco De Paolis per anni ha tenacemente cercato i responsabili delle stragi naziste, ottenendo decine di condanne: a Riflessi rivela successi, difficoltà e qualche amarezza della sua carriera Palazzo Cesi è incastonato in un piccolo slargo nascosto tra la Corte di Cassazione, appena oltre Tevere, piazza Navona e Palazzo

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Serve un cambio di passo

Serve un cambio di passo Secondo incontro con rav Avraham Dayan, rabbino capo di Livorno Rav Dayan, nella sua Livorno si riesce ad avere minian*? E la casherut? Dopo Roma e Milano, Livorno è la città che ha praticamente sempre minian, lunedì, giovedì, Shabbat, Rosh Kodesh, le feste: sembra incredibile perché altre città più grandi, non riescono ad aprire la

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Siamo una comunità viva

Siamo una comunità viva Riflessi prosegue il suo viaggio nel rabbinato italiano. Oggi primo incontro con Rav Avraham Dayan, rabbino capo di Livorno.   Lei è rabbino capo di Livorno da poco, quasi un anno e mezzo. Che Comunità ha trovato? Ho trovato un’accoglienza molto calorosa, gente gentile, accogliente, penso perché qui a Livorno non c’è mai stato il ghetto,

Leggi Altro »
A tavola con Menorah

Oggi… Hràymi!

Oggi… Hràymi! (pesce in salsa piccante) Laura Ravaioli confida a Riflessi uno dei suoi segreti: come cucinare un Hràymi squisito.  La cucina degli ebrei di Libia costituisce un tassello di quell’incontro di storie e di tradizioni che è la cultura gastronomia ebraica. Un mosaico frutto della contaminazione che, nei secoli, il popolo ebraico ha tessuto nei luoghi in cui si

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Guardiamo a Roma dal centro dell’Europa

Guardiamo a Roma dal centro dell’Europa Sandro Salonicchio ci parla della Comunità di Trieste,  dalle profondi radici nella storia europea Sandro, ci descrivi la realtà triestina e un po’ della sua storia? La presenza di ebrei a Trieste risale agli inizi del 1200. Da allora è stata continuativa, per via del porto, e dei traffici commerciali legati a esso, sbocco

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Macellazione kasher in pericolo?

MACELLAZIONE KASHER IN PERICOLO? UE: possibile l’obbligo di stordimento, anche per la macellazione kasher La sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea Una recente sentenza della Corte di Giustizia europea ha stabilito che, nel rispetto delle scelte religiose, uno Stato può prevedere lo stordimento obbligatorio degli animali nella macellazione. E così dopo Finlandia, Danimarca, Svizzera ed alcuni Land austriaci, anche

Leggi Altro »

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter