Georges de Canino per Giorgio Bassani

Il volto e lo sguardo di Giorgio Bassani: 22 opere inedite di Georges de Canino in mostra a Ferrara

Il 4 marzo del 1916 nasceva a Bologna il grande scrittore ebreo Giorgio Bassani, uno dei protagonisti indiscussi della letteratura italiano del secolo scorso.

Per onorare la sua memoria, nella città che gli era più cara – Ferrara – il 3 marzo si svolgerà una giornata a lui dedicata , dal titolo “Il volto e lo sguardo di Giorgio Bassani”.La giornata coincide anche con i venti anni dalla nascita della Fondazione Giorgio Bassani, di cui è presidente la figlia Paola; la Fondazione è nata per diffondere la conoscenza delle opere dello scrittore in Italia e nel mondo e rispettare le sue ultime volontà.

“Il volto e lo sguardo di Giorgio Bassani”

Ferrara Casa Ariosto
Casa Ariosto a Ferrara. Sede della Fondazione Giorgio Bassani

È questo anche il titolo della mostra che verrà inaugurata alle ore 11 del 3 marzo nella cornice unica di Casa Ariosto, sede della Fondazione e dimora storica di Ludovico Ariosto, con le opere inedite del maestro Georges de Canino, artista italiano, ebreo, romano.

Fino al 5 giugno 2022, si potranno ammirare 22 opere inedite create per l’occasione da Georges de Canino, dall’inconfondibile tratto espressivo, collage dal colore acceso, rosso, verde e soprattutto blu. Una pittura materica, data dall’utilizzo di fotografie, documenti, immagini storiche, che ruotano attorno alla figura di Giorgio Bassani e restituiscono un ritratto complessivo e profondo del poeta e scrittore, con il quale l’artista ha stabilito un dialogo intimo, reale, sincero.

Logo Fondazione Bassani La giornata bassaniana “Il volto e lo sguardo”, organizzata dalla Fondazione Giorgio Bassani, è in in collaborazione con il Comune di Ferrara, con il patrocinio della Comunità ebraica di Ferrara, della Comunità ebraica di Roma e del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah – MEIS.

 

Un’avventura di Georges de Canino con Giorgio Bassani

Amo Giorgio Bassani, amo la sua opera. È un  poeta straordinario. Poco italiano, molto francese, dissacrante, raffinato, sublime come Rimbaud, crudo come Isidore Ducasse.

Un poeta della memoria, un diamante di Ferrara, paludosa e ipocrita, falsa, al tempo stesso sublime come una rosa celeste. Bassani non ha nulla da invidiare ai poeti e scrittori nord americani. La poesia di Giorgio, anzi Giorgino, è di un artista della pop art. Libero, a volte contorto come gli italiani, doppio e ambiguo, me lo conferma la divina Edith Bruck che lo ha conosciuto. 

Bassani era un uomo bellissimo, innamorato di se stesso. Un uomo dagli occhi azzurri vicino a Luchino Visconti. Amico di Pier Paolo Pasolini, di Giorgio Morandi e del suo maestro Roberto Longhi, dell’artista e scrittore Carlo Levi. A Bologna, dove era nato, aveva frequentato l’Università, fatto lì il suo destino. Antifascista, principe dei diritti umani, innamorato della Francia e del popolo francese. Vanesio, insopportabile, bugiardo, provocatore, bellissimo come il cielo di Ferrara, amante degli amici intelligenti e colti.

Così diverso dalla mia anima e dal mio cuore ebraico. Tutti e due cresciuti nella luce della Menorah. Sognatori, lui abitante di una fiaba in cui recita la parte del principe, boxeur e fascinoso come gli esseri nati da un romanzo di Marcel Proust e di Marguerite Yourcenar.

Georges vive nel bleu di Roma e di Provenza. Rido di me, prendo in giro la mascherata umana, sono un laboratorio ambulante, come Arthur Rimbaud e gli espressionisti tedeschi, non mi lamento della mia condizione di artista. Amo i dadaisti e i futuristi, amo i surrealisti: Philippe Soupault, René Crevel, Jacques Baron.

Amo gli artisti tedeschi spartachisti. Amo la rivolta. Sono dalla parte della rivolta, come nel ghetto di Varsavia, tra bombe molotov e le pietre di fuoco. Amo il mio popolo, Israele. Amo l’Italia. Amo Roma e le sue pietre, hanno un’anima. Amo la Francia, douce France, che mi ha formato e plasmato, con il blue, il bianco e il rosso, bandiera issata sul tetto di Parigi. Amo il poeta Claude Vigée, amo Edmond Jabès, due poeti cittadini e pescatori di perle. La storia del dialogo tra Giorgio Bassani e Georges Le bleu è un atto d’amore, una dichiarazione alla città di Ferrara, la città de La lunga notte del ’43“. (Georges de Canino, 28 febbraio 2022)

 

 

Articoli correlati che potrebbero interessarti

Sguardi di Memoria. Quello che della Storia non sapevamo. La mostra di Georges de Canino sulla Shoà

 

ll nostro compito è resistere, ora e sempre

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter