Un, deux, trois…cacher

Gregory Harrous è l’inventore di un sistema facile ed efficace che da 15 anni consegna cibo cacher in tutta la Francia. Riflessi lo ha intervistato

Da quanto tempo esiste 123cacher.fr? E’ un sito originale francese o un adattamento di un portale internazionale?

123Cacher esiste dal 2005. Era un elenco di ristoranti kosher in Francia. Dal 2019 il mercato si è evoluto, ora offriamo ordini di consegna come i grandi player come UberEats, con la particolarità che consegniamo fino a 10 km quando altre piattaforme generalmente si fermano a 3,5 km

Siamo stati completamente indipendenti dall’inizio.

Chi è il cliente tipo, francese o turista?

La stragrande maggioranza dei clienti è ovviamente francese, soprattutto con le restrizioni che abbiamo subito a causa della crisi del Covid che ha impedito alle persone di viaggiare. Tuttavia, stiamo notando sempre più ordini da parte dei turisti. Infatti, quando mangiamo kosher, e non conosciamo i ristoranti, il primo istinto è cercare su Google, e siamo molto ben posizionati!

Come è cambiato il vostro lavoro al tempo della pandemia?

Abbiamo attraversato 2 fasi: all’inizio, le persone avevano paura di essere contaminate, non osavano toccare i prodotti e avevano un certo blocco che impediva loro di ordinare.

Poi, la conoscenza del virus e l’abitudine a conviverci hanno avuto l’effetto opposto: essendo i ristoranti chiusi, l’unica possibilità per consumare un pasto era farsi consegnare. Abbiamo poi sperimentato una crescita fenomenale!

qui e sotto: alcuni piatti distribuiti da 123cacher.fr

In media, i ristoranti casher in Francia costano meno o più degli altri ristoranti?

I vincoli legati alla kashrut (macellazione rituale, presenza di shomerim…) fanno sì che il cibo, soprattutto carne e formaggio, sia superiore a quello dei ristoranti Taref. Pertanto, mangiare casher costa necessariamente un po’ di più che mangiare in un ristorante tradizionale.

Dove sono situati questi ristoranti casher, intorno al quartiere ebraico o altrove? Osserviamo i poli: i ristoranti kosher si trovano generalmente dove vive la comunità ebraica: Parigi 17, Parigi 19, Levallois-Perret, Charenton-le-Pont … Lo storico quartiere ebraico, Le Marais, sta vivendo una desertificazione di Kosher ristoranti, spesso a beneficio di boutique alla moda.

Quanto è diffusa la cucina italiana tra i vari ristoranti casher, specialmente a Parigi? Può darci qualche nome?

La cucina italiana è molto comune! Le specialità italiane figurano al 2° posto, subito dopo i ristoranti di cucina francese. Il 25% dei ristoranti casher a Parigi e nelle periferie sono ristoranti italiani. I più famosi sono Flavio, Gabrielli, Rosetta, Pozzio, Maestro, Le Vosges, Itaglio, La Stella

I proprietari sono italiani o si ispirano alla cucina italiana?

I proprietari sono in realtà tutti francesi, alcuni, come il ristorante Maestro, hanno portato chef dall’Italia per sviluppare il loro menu.

Questi ristoranti sono popolari da tempo o pensa che sia una moda passeggera?

La cucina italiana è radicata nelle abitudini di consumo. La pizza è il piatto più ordinato sul sito e la Francia è il secondo paese in Europa a consumare pizza, dietro l’Italia.

Ci sono più ristoranti di carne o di latte?

30% halavi (latte) / 70% basari (carne)

Parlando di cucina casher, viene subito in mente la cucina israeliana. E’ opinione comune che non ci sia una cucina israeliana originale o particolarmente rinomata, visto che i piatti principali sono di derivazione mediorientale. Ce lo conferma e pensa che che i francesi apprezzano la cucina israeliana?

Molti ristoranti a Parigi offrono cibo israeliano! Ci sono i tradizionali shawarma o falafel, ma anche street food più sofisticati come SoumSoum o Doron che funzionano benissimo!

 

 

 

Leggi anche:

Rotem Fadlon

Laura Raccah

Silvia Nacamulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter