Cerca
Close this search box.
Francia antisemitismo

L’effetto del 7 ottobre? Più antisemitismo, anche in Francia

Per comprendere meglio la situazione in Francia, dove la presenza ebraica è maggiore che in Italia, abbiamo intervistato Danièle Klein, responsabile dei progetti speciali dell’Associazione Francese delle Vittime del terrorismo (AFVT)

Danièle, quanti ebrei ci sono nella sua città e quanto è attiva la comunità ebraica?

Danièle Klein, francese, vittima del terrorismo. Fa parte dell’Associazione Vittime del terrorismo francese.

La comunità ebraica francese conta circa 550.000 ebrei ed è diffusa in tutte le città francesi di grandi e medie dimensioni. Parigi (circa 300.000 ebrei), Marsiglia (70.000), Lione (25.000) Tolosa (25.000) Nizza (2.0000), Strasburgo (16.000). Storicamente, l’Alsazia Lorena aveva una comunità molto grande con sinagoghe in molte città e villaggi. L’Olocausto ha decimato questa popolazione nella Francia orientale, ma l’arrivo degli ebrei sefarditi dal Marocco, dalla Tunisia e dall’Algeria negli anni ’60/’70 ha rivitalizzato questa comunità. La diversità della popolazione ebraica, sefardita e ashkenazita francese è uno di questi punti di forza. Gli ebrei sono presenti in tutte le attività e in tutti i segmenti della popolazione. Con una presenza più marcata nelle città.

Quali sono i rapporti con la società civile?

Gli ebrei sono sempre stati presenti in Francia e la loro storia è strettamente legata alla Storia della Francia. L’affare Dreyfus è ovviamente uno dei grandi segni storici della storia francese, come la Shoah e le sue ripercussioni. Napoleone diede un quadro legislativo e rappresentativo alla comunità ebraica creando il Concistoro Centrale, organismo che ancora oggi governa la vita della comunità separatamente dagli organismi di culto diretti dal Gran Rabbinato. La comunità ebraica francese è molto attiva a tutti i livelli, molto coinvolta nella vita sociale, politica, economica, intellettuale e artistica. In Francia coesistono molte tendenze dell’ebraismo, tradizionale, liberale, del movimento Lubavitch, ecc.

nelle settimane scorse sono comparse stelle di David sui muri di abitazioni francesi

Va notato un progresso molto netto del movimento ebraico liberale in tutta la Francia, con la creazione di diverse comunità che accolgono numerose famiglie desiderose di sperimentare un ebraismo più aperto e accogliente, in particolare coppie miste. Delphine Horvilleur, una delle giovani rabbine dell’ebraismo liberale, è diventata in Francia una delle grandi figure di questo movimento, incarnando una tendenza libera e moderna nell’ebraismo francese. Le sue parole vengono ascoltate oltre la comunità ebraica, i suoi libri sono diventati best seller in Francia.

Dopo gli attentati del 2015 (Hypercacher) e di Tolosa (scuola Otzar Hatorah nel 2012), abbiamo assistito a numerose partenze di famiglie ebree in Israele. Gli ebrei francesi si sentivano molto soli. L’attentato del 7 ottobre ha riattivato ancora una volta questo sentimento, anche se assistiamo ad una forte mobilitazione della comunità ebraica a favore degli ostaggi e delle vittime del 7 ottobre, con manifestazioni periodiche ed eventi di sostegno, che non si indeboliscono.

Delphine Horveilleur (foto AFP/Bertand Guay)

Giornali e telegiornali qui in Italia riportano gli episodi di antisemitismo avvenuti in Francia, collegandoli direttamente al 7 ottobre. Li confermi?

Abbiamo assistito all’emergere, soprattutto a Parigi, di messaggi e slogan chiaramente antisemiti in seguito alla reazione di Israele contro Hamas. Etichette sui muri della capitale, manifesti filo-palestinesi che giocano sull’ambiguità antisionismo/antisemitismo, prese di posizione dei partiti politici, in particolare di “La France insoumise” di Mélenchon, inviti a manifestazioni in cui ci aspettiamo manifestazioni antiebraiche slogan, minacce tramite social network, ecc.

Certamente sai che la Francia è stata pesantemente presa di mira negli ultimi 15 anni dal terrorismo islamico (Tolosa, Hypercacher, Charlie Hebdo, Nov 13, Nizza, Strasburgo, ecc.). Tutti questi attacchi hanno come base l’odio verso gli ebrei. La minaccia terroristica contro gli ebrei è reale, il terrorismo antiebraico è molto concreto, le conseguenze del 7 ottobre non fanno altro che rafforzare un clima antisemita ricorrente. Ma non si può parlare di un clima nazionale antisemita ovunque in Francia. La società e le menti francesi sono divise sulla questione della guerra israeliana a Gaza.

il supermercato Hypercacher, a Parigi, oggetto di un attentato terroristico islamico nel gennaio 2015

Hai notato un aumento dell’antisemitismo rispetto a prima?

Quando ascoltiamo, c’è ovviamente una condanna più generale degli ebrei, che sono visti nel loro insieme, come i diretti responsabili delle vittime civili di Gaza.

La società francese fa ben poco in termini di sfumature e non conosce la sottigliezza delle differenze di opinioni e pratiche che rendono gli ebrei francesi un gruppo vivace e diversificato, che non sempre condivide le stesse sensibilità, nonostante il forte sostegno alla democrazia israeliana e non necessariamente a quella di Netanyahu. politiche attuali.

La maggioranza dei francesi crede che gli ebrei sostengano l’attuale politica israeliana ad occhi chiusi, mentre la comunità ebraica francese è molto più articolata e intelligente nelle sue scelte e posizioni. Questa percezione dell’ebraismo francese accentua necessariamente il sentimento antisemita cronico di una parte della popolazione francese. Ma non si può dire che la Francia stia sprofondando nell’antisemitismo. A novembre ci sono state grandi manifestazioni contro l’antisemitismo, 200.000 persone hanno marciato a Parigi, unendosi ben oltre la comunità. Il che è un segnale illuminante, data l’attuale situazione del conflitto israelo-palestinese.

Sempre nel gennaio del 2015, un secondo attentato fece 12 morti, molti dei quali nella redazione del giornale satirico Charle Hedbo (Photo by Alain JOCARD / AFP)

Ora si teme che la continuazione delle rappresaglie sproporzionate contro la popolazione civile palestinese ancorerà per sempre il sentimento antiebraico in Francia. Parleremo piuttosto di un clima minaccioso avvertito dalla comunità ebraica francese, ovviamente ci sono molti più atti di aggressione e discorsi esibiti, che mantengono il disagio e la minaccia, si possono temere soprattutto attacchi contro obiettivi ebraici, come è già accaduto. Il terrorismo islamico in Francia è molto reale e attacca regolarmente gli ebrei francesi, qualunque siano le loro tendenze. Scuole, negozi, quartieri, istituzioni… sono obiettivi primari e sono protetti dalla polizia.

Quali misure ritiene che dovrebbero essere adottate e c’è l’intenzione di farlo?

Francia marcia antisemitismoIl governo è mobilitato, la tutela della comunità è reale anche se la comunità ebraica è rimasta molto delusa dall’assenza di Emmanuelle Macron al corteo della grande marcia contro l’antisemitismo a Parigi il 12 novembre.

In tempi di forte minaccia terroristica come quello odierno, dobbiamo aumentare il livello di sicurezza e di protezione dei luoghi frequentati dalla comunità ebraica francese. Il piano di vedetta dei pirati è ben visibile, le forze di polizia in Francia sono mobilitate, le vediamo pattugliare. La giustizia in Francia sta funzionando enormemente e nel 2023 si sono svolti più di 20 processi contro terroristi islamici e di estrema destra, con ciò che li accomuna, l’odio viscerale verso gli ebrei e la voglia di far loro del male. Che la giustizia operi contro coloro che minacciano e uccidono gli ebrei in Francia è anche un’arma di deterrenza. Ma la giustizia in Francia soffre crudelmente della mancanza di risorse, è assolutamente necessario rafforzarle ed è una decisione altamente politica.

Essendo io stesso vittima del terrorismo, sono nella posizione giusta per affermare che la forza del terrorismo è attaccare dove meno ce lo si aspetta. La deterrenza, la sorveglianza e la presenza di forze di sicurezza (esercito, polizia, ecc.) restano le soluzioni, mai perfette al 100%, di una democrazia come quella francese, per la protezione degli ebrei in Francia, come di altri obiettivi del terrorismo. molti di loro: insegnanti, giornalisti, forze dell’ordine… Non esistono soluzioni miracolose. La nostra associazione delle vittime del terrorismo, l’AFVT, contribuisce a questa misura, intervenendo nelle scuole superiori e universitarie, nelle carceri, ecc. per lottare contro le idee che propagano l’odio, il razzismo e l’antisemitismo. Nel 2022 e nel 2023 abbiamo dimostrato e realizzato azioni nelle classi di più di 20 istituti.

Quanto è importante per la comunità ebraica francese che il nuovo Primo Ministro abbia un nonno ebreo?

Non credo affatto che le origini ebraiche del nostro nuovo primo ministro siano un dato determinante per la comunità ebraica francese. Anche il precedente primo ministro, Elisabeth Born, era ebrea (suo padre fu deportato) e questo non è mai stato evidenziato anche se gli ebrei francesi restano sempre sensibili alla filiazione e alle drammatiche storie legate all’Olocausto. In Francia manteniamo sempre una distanza tra la vita privata e la vita pubblica dei personaggi politici. Oggettivamente Gabriel Attal, anche se ha un nome ebraico, non pretende di essere ebreo. Se Gabriel Attal si è espresso chiaramente a titolo personale, è stato come omosessuale. È stato molestato e aggredito in gioventù. Ha avuto il coraggio di dirlo.

Gabriel Attal
Gabriel Attal, nuovo primo ministro francese

Le sue diverse origini (ortodosse, ebraiche, ecc.) non sono uno standard per lui, e penso che gli ebrei francesi lo capiscano molto bene. Detto questo, ciò non impedirà a razzisti, omofobi e antisemiti di riprendere le loro vecchie teorie stantie e di complottare utilizzando le origini di Gabriel Attal per diffondere il loro discorso di odio. Spero che questo discorso di odio venga sempre denunciato e che le denunce legali vengano ascoltate e giudicate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter