Jellyfish-on-the-beach-in-Tel-Aviv-July-4-2022.

Molti osservatori hanno notato che le meduse arrivano e restano sulle coste israeliane nel periodo tra due dei giorni più luttuosi del calendario ebraico: il 17 di Tammuz e il 9 di Av.

Sono tre settimane che segnano il periodo tra il momento in cui i Romani hanno violarono le mura di Gerusalemme e la distruzione del Tempio.

Jellyfish-off-Haifas-shore
Meduse in mare sulle coste di Haifa

Una strana coincidenza, tanto più che, in ricordo di un periodo in cui gli ebrei sono stati in pericolo, l’halakà raccomanda di evitare attività rischiose, tra cui potrebbe rientrare anche il bagno in mare. E sembra quindi che la natura stessa abbia provveduto a proteggere israeliani e turisti, che certo non vogliono farsi bruciare la pelle da milioni di meduse.

Dror-229x300
Il Prof. Dror Angel

Tuttavia, il Prof. Dror Angel del Dipartimento di Civiltà Marittime dell’Università di Haifa avverte che, mentre è naturale per Israele sperimentare fioriture di meduse ogni anno, ciò che è insolito nello sciame di quest’anno è la sua intensità.

Secondo il Prof. Angel, è quasi impossibile quantificare una massa in continuo movimento che vive sopra e sotto la superficie del mare, ma le foto dimostrano che quest’anno il numero è insolitamente grande. La spiegazione potrebbe essere il cambiamento climatico e il lungo e freddo inverno che Israele ha vissuto quest’anno.

L’ultimo inverno è stato a volte molto piovoso e freddo, e questo potrebbe aver influito sull’intensità del numero e sul ciclo vitale”, ipotizza il Prof. Angel

Sappiamo per certo che se c’è una forte pioggia, molti nutrienti vengono lavato in mare, quindi ci sono più alghe, plancton e più cibo da mangiare per le meduse”.

 

In passato il fenomeno era già successo, recentemente nel 2015 e nel 2017. “Anche se c’è un altro inverno anormalmente freddo e lungo nel 2023, questo non vuol dire che possiamo aspettarci più meduse l’estate successiva“, dice.

Segnale pericolo meduse
Il segnale di “Pericolo meduse” sulle spiagge israeliane

In questo momento, le meduse sono concentrate lungo la costa settentrionale di Israele e non hanno ancora raggiunto la riva in massa. Una corrente settentrionale potrebbe alla fine spingerle nelle acque siriane o turche, o persino in mare aperto. Probabilmente dopo il digiuno del 9 B’Av, che quest’anno si svolge il 10 di Av (7 agosto), in ossequio allo Shabbat.

A livello ecologico, una popolazione di meduse in crescita può avere un impatto negativo sulla catena alimentare poiché competono con molti pesci diversi per le stesse fonti di cibo. Pertanto, una fioritura di meduse può far morire di fame altri pesci.

Inoltre, le centrali elettriche del paese spesso devono sostenere una grande spesa perché le meduse ostruiscono le loro turbine. Anche la pesca e gli impianti di desalinizzazione sono suscettibili all’impatto delle fioriture delle meduse quando dominano la costa.

Il Prof. Angel sospetta che la loro tendenza a raggrupparsi possa essere quella di facilitare la comunicazione tra i singoli membri per scopi difensivi o riproduttivi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter