Interventi

Ebraismo italiano

Rabbini italiani del secolo scorso discutono del miracolo di Chanukkà

Rabbini italiani del secolo scorso discutono del miracolo di Chanukkà In una discussione del 1907, un giovane studente mette in discussione addirittura il miracolo dell’olio consacrato degli otto giorni della festa. Come reagisce il rabbinato italiano a tanta temerarietà? Ce ne parla rav Jacov Di Segni   Una conferenza. È un sabato sera, 21 dicembre 1907, da poco è passata

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Cosa ci ricordano i lumi di Hanukkà

Cosa ci ricordano i lumi di Hanukkà I Maestri insegnano a festeggiare Hanukkà con la massima gioia, perchè  ci ricorda l’importanza della nostra identità ebraica Nelle norme e nella procedura che seguiamo per l’accensione dei lumi di Hanukkà c’è un aspetto particolare che non ritroviamo in alcun’altra Mizvà. Il significato della festa e i particolari relativi all’accensione dei lumi di

Leggi Altro »
Il Climate Solution Festival 2022
Interventi

Israele, innovazione e start-up

Israele, innovazione e start-up A distanza di quasi due anni dal mio ultimo viaggio, quando nel gennaio 2020 con un gruppo di amici corremmo la mezza maratona attorno al Mar Morto, sono tornato in Israele per lavoro per incontrare alcune start-up che operano nel campo della produzione di idrogeno verde e del suo stoccaggio, e nella conversione dell’anidride carbonica in

Leggi Altro »
Manifesti Meretz Israele
In primo piano

Elezioni in Israele: il risveglio

Elezioni in Israele: il risveglio Angelica Calò Livne interviene nel dibattito sul risultato del voto in Israele Improvvisamente ci siamo svegliati in una realtà diversa. Una realtà dove non esiste più MERETZ, il partito che ha rappresentato per anni la lotta per la pace, per i diritti delle donne, degli omosessuali e degli strati sociali più deboli. Era il partito

Leggi Altro »
ex-ghetto a Roma
In primo piano

Dire ghetto rafforza il pregiudizio

Dire ghetto rafforza il pregiudizio Dopo l’intervento di Roger Hannuna, anche Umberto Pavoncello prende posizione sulla questione del nome da dare alla “Piazza” Dire che il ghetto non esiste più non equivale a dire che il ghetto non è mai esistito. L’assunto da cui si parte perciò è sbagliato. Nessuna volontà di cancellare la storia. Anzi. Da molto tempo ormai

Leggi Altro »
In primo piano

La collina di primavera e la città santa

La collina di primavera e la città santa (prima parte) Luca Zevi ci accompagna in un reportage tra Tel Aviv e Gerusalemme, viste da una prospettiva particolare: quella dell’architettura. Si comincia oggi con Tel Aviv Esodo da Gerusalemme Il noto narratore israeliano A.B. Yehoshua parla di Gerusalemme come città che nasce dal deserto, contrapponendola a Tel Aviv che nasce dal

Leggi Altro »
antisemitismo

AAA. Cercasi Mussolini. Carriera politica assicurata

AAA. Cercasi Mussolini. Carriera politica assicurata Caio Giulio Cesare Mussolini, chi mai sarà costui? Ci aiuta il suo cognome, è il pronipote del Duce e il suo nome ci riporta ai fasti dell’antica Roma, Giulio Cesare, che tanto amava nonno Benito. Fin qui nulla da eccepire, gli amici ce li scegliamo i parenti no, ma il nostro pronipote segue il

Leggi Altro »
In primo piano

Cos’è stata la Brigata ebraica

Cos’è stata la Brigata ebraica Ogni anno, per il 25 aprile, la sua presenza  viene strumentalmente attaccata: eppure la Brigata ebraica partecipò attivamente alla liberazione dell’Italia dal nazifasismo, come spiega Claudio Vercelli   1. Le origini della Brigata Il richiamo alla «Brigata ebraica» è una espressione con la quale si indica, al medesimo tempo, una specifica unità combattente – appartenente

Leggi Altro »
MILANO - 26 APRILE 1945
In primo piano

Il valore della Resistenza e il duplice errore dell’Anpi

Menorah e Riflessi augurano ai lettori un buon 25 aprile, festa della Liberazione dal nazifascismo, omaggio alla Resistenza e al contributo della Brigata ebraica per la nostra libertà. Auguri! In Italia, dopo la Seconda Guerra mondiale, più d’uno fra i giovani che avevano partecipato alla Resistenza entrò a far parte dei gruppi dirigenti del rinato movimento sindacale, inizialmente unitario. La

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Perché un giorno in più di festa?

Perché un giorno in più di festa? I Shalosh regalim “regalano” agli ebrei della diaspora un giorno in più per fare festa. A Pesach, in particolare, che insegnamento ne dobbiamo trarre? Nella diaspora, crediamo che l’ottavo giorno sia l’ultimo giorno di Pesach. Lo è, ma non lo è. Succede solo che questa settimana l’ottavo giorno sia anche Shabbat, quindi anche gli

Leggi Altro »

Condividi

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

17 Ottobre 2021

Iscriviti alla newsletter

"*" indica i campi obbligatori

Nome*
Per inviare questo modulo, devi accettare la nostra dichiarazione sulla privacy*