Linfociti B sistema immunitario

Una nuova speranza contro l’AIDS: viene da Tel Aviv

Non c’è solo il COVID al centro delle ricerche scientifiche. Come dimostra questo studio dell’Università di Tel Aviv

Parliamo di un trattamento nuovo e unico per l’AIDS che può essere sviluppato in un vaccino o in un trattamento una tantum per i pazienti con HIV.

Nehmad Alessio TAU
Alessio Nehmad, dottorando di ricerca all’università di Tel Aviv

Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature,  è stato condotto dal Dr. Adi Barzel e dal dottorando Alessio Nehmad, entrambi della scuola di neurobiologia, biochimica e biofisica della Facoltà di scienze della vita George S. Wise e del Dotan Center for Advanced Therapies in collaborazione con il Sourasky Medical Center (Ichilov), in collaborazione con altri ricercatori provenienti da Israele e dagli Stati Uniti.

Come è noto l’AIDS è una malattia che ha effetti letali o comunque cronici sui pazienti; negli ultimi anni la medicina ha fatto grandi passi avanti per migliorare la qualità della vita di questi malati, ma si era finora ancora lontani da una cura permanente e definitiva.

Il Dottor Adi Barzel
Il Dr. Adi Barzel, nel cui laboratorio è stato sviluppato il trattamento.

Un possibile modo per farlo, con un’iniezione una tantum, è stato sviluppato per la prima volta nel laboratorio del Dr. Barzel. La tecnica sviluppata nel suo laboratorio utilizza globuli bianchi di tipo B che sarebbero geneticamente modificati all’interno del corpo del paziente per secernere anticorpi neutralizzanti contro il virus HIV che causa la malattia. I linfociti B sono un tipo di globuli bianchi responsabili della generazione di anticorpi contro virus e batteri: B si formano nel midollo osseo e, quando maturano, si spostano nel sistema sanguigno e linfatico e da lì alle diverse parti del corpo.

“Nature” è una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo

Il Dr. Barzel spiega: “fino ad ora, solo pochi scienziati, e noi tra loro, erano stati in grado di ingegnerizzare i linfociti B al di fuori del corpo e, in questo studio, siamo stati i primi a farlo nel corpo e a produrre questi le cellule generano gli anticorpi desiderati. L’ingegneria genetica viene eseguita con vettori virali derivati ​​​​da virus progettati in modo da non causare danni ma solo per portare il gene codificato per l’anticorpo nelle cellule B del corpo. Inoltre, in questo caso, siamo stati in grado di introdurre accuratamente gli anticorpi in un sito desiderato nel genoma delle cellule B. Tutti gli animali modello a cui era stato somministrato il trattamento hanno risposto e avevano quantità elevate dell’anticorpo desiderato nel sangue. Abbiamo prodotto l’anticorpo dal sangue e ci siamo assicurati che fosse effettivamente efficace nel neutralizzare il virus HIV nel piatto di laboratorio“.

Attualmente, spiegano i ricercatori, non esiste un trattamento genetico per l’AIDS, quindi le opportunità di ricerca sono vaste. Il Dr. Barzel conclude: “Abbiamo sviluppato un trattamento innovativo che può sconfiggere il virus con un’iniezione una tantum, con il potenziale di apportare un enorme miglioramento delle condizioni dei pazienti. Quando i linfociti B ingegnerizzati incontrano il virus, il virus li stimola e li incoraggia a dividersi, quindi stiamo utilizzando la causa stessa della malattia per combatterla. Inoltre, se il virus cambia, anche i linfociti B cambieranno di conseguenza per combatterlo, quindi abbiamo creato il primo farmaco in assoluto che può evolversi nel corpo e sconfiggere i virus nella “corsa agli armamenti”. Sulla base di questo studio possiamo aspettarci che nei prossimi anni saremo in grado di produrre in questo modo farmaci per l’AIDS, per ulteriori malattie infettive e per alcuni tipi di cancro causati da un virus, come il cancro cervicale, il cancro della testa e del collo, e altro ancora.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter