Incontro con lo shaliach Refael Elon Notizie dal Bene Akiva

Che effetto ha avuto la pandemia sulla vostra attività?

L’attività del movimento dei giovani e dei bambini – richiede movimento, connessione umana, interazione e contatto visivo, mentre la pandemia ci ha tolto tutte queste possibilità: non è possibile incontrarsi, né al chiuso né all’aperto. Mentre il movimento Bene Akiva Rome è noto soprattutto per i campi estivi e invernali, e per quello israeliano, tutto questo non è possibile. Oggi l’attività è quasi esclusivamente online (grazie ai nostri istruttori!) anche se, purtroppo, on line non si riesce a preservare il legame e la tradizione dell’istruttore e degli alunni, delle tribù e dei campeggiatori.

Che cambiamento avete notato nelle relazioni tra ragazzi?

Anche se cerchiamo costantemente di produrre attività che uniscano a noi i tirocinanti e i bambini, siamo molto preoccupati per l’impossibilità di mantenere un contatto continuo e attivo con i ragazzi, che trasmettano esperienze importanti per la vita e interazioni sociali sane, e per ricevere i nostri valori: giudaismo, Israele, sionismo, leadership, ampliamento degli orizzonti, inclusione e complessità, discorso e discussione. Nonché, naturalmente, gioia e divertimento.

Come avete reagito ai problemi posti dalla pandemia?

Le nostre guide devono pensare ripetutamente fuori dagli schemi, affrontare delusioni, fronteggiare lo scoraggiamento di amici, ex studenti e tirocinanti. Ancora una volta, non abbiamo parole per ringraziare e apprezzare i laureati che quest’anno riescono a essere una parte significativa. Tuttavia, ci sembra anche chiaro, che, in prospettiva, in questo periodo difficile si sta formando anche una grande leadership! Nonostante tutte le difficoltà, siamo felici e fiduciosi nella motivazione e nelle capacità di tutti. Kadima Bene Akiva!

Cosa pensate possa fare in vostro aiuto la CER?

È chiaro che la salute e la vita delle persone vengono prima di tutto. Ma è importante anche che l’istruzione sul campo sia tra le priorità dei responsabili delle decisioni. Oggi avvertiamo invece che c’è timore di aprire un’attività. Chiediamo un canale diretto con la comunità per pensare insieme a ciò che può essere fatto (utilizzo di diverse strutture, gite di un giorno, attività in piccoli gruppi, ecc.). Chiediamo che almeno gli istruttori sia in grado di raggiungere la base in modo regolare, dove abbiamo uno spazio abbastanza ampio per mantenere le regole della distanza. Vogliamo anche esaminare la possibilità di avviare attività ordinate e limitate con piccoli gruppi di tirocinanti. Poiché l’attività è attualmente svolta solo online e in sessioni di zoom, abbiamo bisogno di sostegno per rinnovare la rete e i nostri Pc. La mancanza di attività ci ha colpito anche finanziariamente. Abbiamo perciò bisogno dell’aiuto della comunità per attraversare questa epidemia e tornare a svilupparci come movimento giovanile educativo, di guida e coinvolgimento dei ragazzi.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter