Il medico ebreo Howard Tucker

Howard Tucker, dottore ebreo di Cleveland, ha compiuto 100 anni il 10 luglio 2022 ed è il più vecchio medico in attività.

Abbiamo intervistato Taylor Taglianetti, la regista italo-americana che sta girando un documentario dal titolo “What’s next? (Qual è il prossimo?)” sulla vita di Howard Tucker.

Taylor, come è nata l’idea ?

Howard Tucker con Austin Tucker
Il medico Howard Tucker con il nipote Austin

Il dottor Howard Tucker è il nonno del mio migliore amico, Austin Tucker, che ho incontrato alla New York University. Dal giorno in cui l’ho conosciuto, Austin ha sempre condiviso con orgoglio le numerose attività di suo nonno. Durante il culmine della pandemia, un giorno Austin mi ha chiamato e mi ha detto che suo nonno stava uscendo di casa di nascosto per aiutare i pazienti del suo ospedale. Per questo motivo, Austin si era reso conto che Howard poteva qualificarsi come “Oldest Practicing Doctor” (Il più vecchio medico praticante) per il Guinness dei primati e lo ha presentato per il titolo.

Quello che Austin aveva realizzato non sarebbe potuto arrivare in un momento migliore per me: c’era una storia lì e questo tipo di storia arriva solo una volta nella vita di un regista. Per coincidenza, stavo cercando un’idea per il mio primo lungometraggio e ho subito sentito l’enorme responsabilità di fare questo film una volta che ho capito veramente la posta in gioco. Howard ha assistito a 75 anni di evoluzione del cervello, 75 anni di evoluzione della medicina. Lui praticava prima che ci fossero TAC e risonanza magnetica. La sua conoscenza e le sue esperienze dovrebbero essere preservate. A livello personale, sono stato profondamente colpita dal numero di anziani che si sono persi durante la pandemia e con loro le loro storie, quindi ci siamo subito lanciati nella realizzazione del progetto.

Il film originariamente era iniziato come un cortometraggio, ma è diventato chiaro che doveva essere un lungometraggio. Diciamo solo che il dottor Tucker non ha sprecato un anno del secolo scorso! Le cose che ha visto e fatto sono davvero incredibili e il modo in cui pratica è un’arte morente. Abbiamo un grande bisogno di medici empatici come il dottor Tucker. È una vera ispirazione ed è esattamente la figura edificante che il mondo dovrebbe mettere in luce in questo momento. È stato l’onore della mia vita poter dirigere questo film e immortalare la sua straordinaria vita.

Backstage What's Next
Il Dott. Howard Tucker sul set di “What’s Next?”

Pensa che Tucker ha ricevuto gli auguri di compleanno da cinque presidenti degli Stati Uniti in vita, dal primo ministro Trudeau, dal sindaco di Cleveland, Dolly Parton, da Simone Biles e da Andrea Bocelli. È stato così commovente vederlo ricevere questo tipo di riconoscimento. È diventato virale anche su Internet, incluso su TikTok. Vedere tutta l’attenzione che ha ricevuto e leggere le migliaia di commenti ed e-mail su quanto sia da esempio, ci impone di portare avanti questa intensa produzione e realizzare il miglior film possibile.

In che fase si trova il progetto? Quando e dove potremo vederlo?

Abbiamo lavorato al progetto negli ultimi 18 mesi e abbiamo appena concluso le riprese principali a Cleveland questo luglio. La nostra situazione è unica in quanto, data l’età del dottor Tucker, non abbiamo potuto permetterci il lusso di mesi per preparare e di avviare una strategia di raccolta fondi completa prima della produzione. Dovevamo solo ottenere il filmato con il dottor Tucker il prima possibile. Ora stiamo filmando alcune interviste rimaste con i pazienti del dottor Tucker, preparandoci per il montaggio e raccogliendo fondi allo stesso tempo… tutto questo deve essere fatto in modo rapido poiché vogliamo che il dottor Tucker si goda i festival del cinema. Stiamo cercando di rispettare le scadenze dei maggiori festival cinematografici come Cannes, Toronto e Venezia. La nostra speranza è che il film venga presentato in anteprima mondiale in uno di questi festival nel 2023. Incrocia le dita per noi!

Come donna, come “millennial”, figlia del nuovo secolo, qual è il tuo approccio ai terribili eventi del 1900, che ora sembrano molto lontano da noi? In breve, che importanza ha la memoria della storia per te?

Per me, la storia è tutto. Che sia la storia del mondo, del nostro Paese, della nostra famiglia, di noi stessi. Il passato ha un effetto su dove siamo adesso, nel bene e nel male. Il finale di un film ha significato solo se sappiamo cosa è successo prima ed è simile al modo in cui mi avvicino alla storia. Sono alla costante ricerca della conoscenza di ciò che è venuto prima di me e questo è sempre stato il tema guida della mia vita. Non posso dire che ogni persona della mia età condivida questo atteggiamento, ma è importante per me.

Quando ero al college, ho seguito un corso intitolato “Violenza e memoria nell’Italia contemporanea”. Ha approfondito come e perché certi eventi terribili sono stati interpretati e ricordati per come erano, ammesso che siano stati ricordati. Sebbene quella lezione non avesse nulla a che fare con la mia specializzazione in Film e TV, mi ha aperto la mente ai diversi modi di vedere e preservare la storia e il suo impatto.

Taylor Taglianetti con Howard Tucker
Taylor Taglianetti con Howard Tucker

Nel mio lavoro di regista e fondatore dell’Organizzazione Nazionale degli Italoamericani nel Film e nella Televisione (NOIAFT), cerco sempre di far luce sulla storia e di considerare tutte le prospettive. Il dottor Tucker è un testimone di un secolo di storia complessa. Ha vissuto il proibizionismo, la grande depressione, la seconda guerra mondiale, la poliomielite e ora una pandemia globale. Durante la sua carriera, ha spesso affrontato discriminazioni, inclusa la lotta per entrare nella scuola di medicina in un periodo in cui gli studenti ebrei erano raramente accettati e diventando il secondo medico ebreo a lavorare in uno degli ospedali più prestigiosi del mondo. In che modo questi eventi ed esperienze hanno plasmato chi è oggi? È fondamentale sostenere la memoria della storia osservandola.

Come italo-americana hai fondato l’Organizzazione Nazionale degli Italoamericani nel Film e nella Televisione, un’associazione che mira a connettere e consentire agli italoamericani di raggiungere i loro obiettivi artistici. Quale pensi sia il principale aggiunto valore della creatività italiana legata allo spettacolo?

Credo che la sensibilità italiana sia intrinsecamente legata all’idea stessa di cinema. Il cinema è una forma d’arte romantica che richiede grande passione, molto cuore, attenzione ai dettagli e maestria, tutte qualità per cui gli italiani sono noti. Vediamo la bellezza e la magia anche nelle cose più banali che è un requisito per fare un grande cinema, credo. Quindi, se un italiano sta girando un film, puoi scommettere che questi valori saranno intrisi al massimo! Il cinema è un catalizzatore di empatia e ci ispira a realizzare i nostri sogni e desideri più grandi. Considero il cinema uno strumento per cambiare il mondo e credo che i registi di origine italiana abbiano molto da offrire su questo fronte. Che si tratti semplicemente di fornire qualche momento di intrattenimento o di affrontare questioni più serie, il cinema conta. Come italiani, la narrazione è nel nostro DNA. I miei ricordi più belli quando sono cresciuta sono stati sentire i vecchi raccontare storie attorno al tavolo della cucina. Se torniamo a parlare di storia, gli studiosi ritengono che per questo siamo grandi narratori. Per i poveri italiani, a volte le storie erano tutto ciò di cui avevano bisogno per sollevare il morale e tenersi distratti dalla realtà del mondo nei momenti difficili. Un brillante esempio di questo ideale è dimostrato anche nel classico di Roberto Benigni, La vita è bella.

Nel tuo lavoro all’interno di NOIAFT ti sei incontrata o hai avuto contatti con ebrei italiani o italo-americani?

Certo! In effetti, molti dei nostri membri sono ebrei italo-americani. Non sono sicura che questa sia una frase compresa a Roma, ma qui negli Stati Uniti, gli ebrei italo-americani sono affettuosamente conosciuti come “pizza bagel“. C’è un attore di nome Micky Shiloah che ho incontrato di recente su Instagram. Gran parte della sua pagina è dedicata alla sua educazione italo-ebraica. Dovresti andarci: è esilarante.

Nell’ottobre 2021 ero a Roma come giornalista per il Festival del Film di Roma. Ho visitato il ghetto ebraico mentre ero in città. Anche se ho avuto solo il tempo per uno spuntino veloce (i carciofi che ho mangiato erano davvero una delizia), mi pento di non aver avuto il tempo di esplorare la ricca storia del quartiere e non vedo l’ora di tornare.

 

 

Puoi seguire Taylor Taglianetti, il NOIAFT e il suo lavoro a questi link:

Sito: https://www.whatsnextmovie.com/

Instagram: https://www.instagram.com/whatsnextmovie/

Facebook: https://www.facebook.com/whatsnextmovie

TikTok: https://www.tiktok.com/@whatsnextmovie

Twitter: https://twitter.com/whatsnext_movie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter