Un Europeo all’insegna dell’incertezza

Alla vigilia dell’inizio del torneo rinviato lo scorso anno per Covid, Israel Maoz Levi ci svela i suoi pronostici, e qualche giocatore da tenere d’occhio

Israel, venerdì iniziano gli europei di calcio (l’Italia esordisce a Roma contro la Turchia), rinviati lo scorso anno a causa del Covid. 24 squadre si contenderanno il titolo di campione d’Europa. Prima di entrare nel dettaglio, una domanda generale. In base alla tua esperienza, che effetto avuto sul calcio giocato la pandemia?

Il calcio a porte chiuse ha sicuramente inciso sul gioco e sui giocatori. Ci sono giocatori che mentalmente non sono forti; intendo che hanno poca tempra, poco carattere. Te ne accorgi quando c’è il pubblico. In stadi come Napoli, Milano, Roma, i giocatori che non reggono la pressione deludono. Vuoi una previsione?

 Prego.

A mio avviso, l’anno prossimo Mkhitaryan non avrà il rendimento di quest’anno. Sai perché? Perché è un giocatore che sotto pressione non rende. È per questo ha deluso a Manchester, litigando con Mourinho, e ha fatto bene col Shaktar Donest. C’è poi da dire che le grandi nazioni di calcio hanno da sempre una cultura solida nello sport, non solo nel calcio: penso all’Italia, alla Germania, all’Inghilterra, alla Francia, alla Spagna. La tradizione che hanno alle spalle, la cultura sportiva, sono elementi fondamentali per dare forza a una squadra e ai singoli giocatori. Li fa crescere anche in personalità. Ogni giocatore respira la tradizione del proprio paese. Guarda Chiellini, per esempio: un giocatore che compensa un talento non altissimo con una grande personalità.

Questa edizione sarà itinerante, coinvolgendo molti paesi. E il fattore campo?

Sarà un torneo più contendibile. Considera che gli stadi saranno pieni solo al 25%. Sarà certamente un’edizione anomala, con maggiori incertezze.

Vediamo nel dettaglio il torneo. Le squadre più blasonate ci sono tutte. Hai una favorita al titolo?

Come ti dicevo, l’incertezza fa sì che non ci sia una squadra favorita. Al primo turno, l’Italia per esempio passerà il turno, ma credo che avrà difficoltà con la Svizzera. Outsider per me è l’Inghilterra, poi il Belgio. La Spagna non mi convince fino in fondo, perché ha problemi in attacco. La Germania è una squadra a fine ciclo, per cui la motivazione, minore, si farà sentire, e in più i suoi giocatori non sono giovanissimi. La mia favorita, alla fine, è la Francia, perché è superiore alle altre: Mbappè è un fenomeno, fortissima è la difesa, e poi ha carattere.  Su tutto però conterà ancora il Covid. Dopo un anno in lockdown, gli effetti del virus si faranno sentire anche sui giocatori. Bisognerà vedere come si sono allenati. La Germania, per esempio, è risaputo che si allena meglio degli altri.

Al di là della vincitrice, quali sono le squadre da tenere d’occhio?  Quale la squadra che esprime il gioco più bello? E quella che può essere la sorpresa del torneo?

Il Portogallo potrebbe fare bene, con giocatori come Rodrigo, o Gayà, tecnicamente brillanti. E poi l’Italia, forse la Spagna. Come sappiamo, il bel gioco non è però sinonimo sempre di vittoria, per cui le squadre latine, che spesso giocano in attacco, non è detto che arrivino fino in fondo. Le nazionali più concrete sono la Francia e la Germania.

Parliamo dei singoli. Ci dai qualche nome sa tenere d’occhio? E qual è il tecnico più preparato del torneo?

Tra gli italiani punto molto su Berardi, mi piace molto anche se non comincerà come titolare; per me ormai è pronto per il salto vero, e Mancini e lo sa. E poi c’è Barella, che sta diventando un giocatore di spessore internazionale, e che se farà un europeo alla sua altezza potrà diventare un calciatore di calibro mondiale, dal valore di oltre 100 milioni di euro. Guardo anche Chiesa, e Bastoni, anche se non è ancora del tutto maturo. Lorenzo Pellegrini è molto equilibrato, ha talento, credo però manchi di personalità, e chissà se Mourinho sarà capace di tirare fuori quello che ancora non c’è. La sorpresa del torneo può essere Locatelli, per me è un giocatore fantastico, con coraggio e personalità. Mi dispiace invece che Rovella, comprato dalla Juve per 22 milioni, non sia stato convocato.

Restiamo all’Italia di Mancini. Come giudichi il suo gioco? L’Italia ha chance di vincere?

Mancini è un buonissimo allenatore, anche se forse non uno dei più grandi. Ha grande esperienza, ha imparato molto in Inghilterra, dopo l’inizio non felice all’Inter. In Inghilterra ha imparato a migliorare il rapporto con i giocatori, che in Italia gli mancava. In Inghilterra ha capito che i giocatori vengono prima dell’allenatore. Se l’Italia passagli ottavi, allora può arrivare avanti, ma secondo me non è ancora al livello di Francia, Germania e Inghilterra. La sua forza è il gruppo, davvero fantastico, e questo conta, perché nel calcio la coesione del gruppo è fondamentale per dare qualcosa in più, e nella squadra italiana vedo entusiasmo.

Un’ultima domanda. Israele non si è qualificata per gli europei, pur avendo giocato un buon girone.  Secondo te a che livello è il calcio israeliano rispetto a quello europeo?

Il calcio israeliano è ancora senza la forte personalità di quello europeo. Si acquista vincendo. Israele non ha ancora talenti straordinari. L’israeliano è un uomo con molta autostima, perché l’esercito ti forma molto, però come calciatore il discorso cambia, perché il campionato non è molto combattuto, e questo non aiuta a formare il carattere. C’è da considerare che è un paese giovane, senza cultura e tradizione dello sport in generale. Per creare la tradizione deve lavorare sodo e tanto. Israele ancora deve imparare a creare i suoi talenti, anche perché mancano gli insegnanti, cioè gli allenatori. Cultura, tradizione, educazione sportiva sono gli elementi necessari per vincere.

Per conoscere meglio Israel Maoz Levi, leggi qui

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter