emoji-g43140bc3b_1920

Una ricerca dell’Università di Tel Aviv ha recentemente scoperto che chi vuole essere preso sul serio farebbe bene a non usare le emoji.

Cosa sono le emoji? Ormai le conosciamo tutti.

Sono segni grafici, le cosiddette faccine, che vengono usate per sintetizzare frasi tipo: “mi fai morire dal ridere”, “questa cosa mi rende triste”, “sono sul treno” e così via. Sono spesso impropriamente assimilate alle emoticon, che non richiedono , invece, un software speciale di lettura. Di origine giapponese, sono entrate nel sistema operativo dell’iPhone nel 2008. E sono diventate talmente tante e diffuse da avere addirittura un “dizionario”: l’emojipedia.

Una comunicazione facile, ma con conseguenze.

Shai Danziger Tel Aviv
Il prof. Shai Danziger della Coller School of Management dell’Università di Tel Aviv

Lo studio, condotto dalla dottoressa Elinor Amit e dal prof. Shai Danziger della Coller School of Management dell’Università di Tel Aviv in collaborazione con la prof. Pamela K. Smith della Rady School of Management dell’UCSD, ha esaminato la risposta di un gruppo di centinaia partecipanti americani ai messaggi verbali rispetto a quelli pittorici, in diversi contesti.

Per esempio il logo verbale del Red Sox su una maglietta, ha fatto ritenere più autorevole chi la indossava, rispetto a un’altra persona che indossava la stessa maglietta ma con un logo pittorico. Inoltre, sui social, chi ha un profilo pittorico risulta meno credibile e autorevole rispetto a chi si presenta con un profilo verbale.

E tutti questi risultati si sono ripetuti in contesti molto diversi tra loro: ogni volta è stato giudicato più serio e più affidabile chi ha scelto una rappresentazione verbale.

Cosa ci mostra questa ricerca sugli emoji?

Secondo la Dottoressa Amit, le persone meno potenti desiderano la vicinanza sociale delle persone più potenti e usare messaggi visivi come le emoji sembra essere un segno di minor potenza e di desiderio di vicinanza sociale.

emoji emoticon Chiaramente usare emoji o emoticon nelle conversazioni tra amici e famigliari non ha conseguenze, mentre a questo punto dovremmo essere tutti molto attenti nell’usarle in contesti formali o di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter