Young spectacled bear

Acquistare terre e donarle alle popolazioni locali per proteggere la biodiversità: la mission della Onlus TiMe.

Ne abbiamo parlato con uno dei fondatori, Uri Shanas, Senior Lecturer del Dipartimento di Biologia e Ambiente alla Facoltà di Scienze Naturali dell’Università di Haifa – Oranim.

Professore, ci racconta quando e come è nata l’idea di TiME (This Is My Earth)?

L’idea di fondare TiME è nata dopo anni d’insegnamento della biologia della conservazione. Non mi dava pace l’idea di trasferire conoscenza e consapevolezza ai miei studenti, mentre il mondo si sta muovendo abbattendo gli ecosistemi naturali, tagliando il ramo su cui ci sediamo. Mi sono detto: cosa ci vorrà per fare un vero cambiamento (oltre all’insegnare)? Sapevo che l’estinzione delle specie è principalmente dovuta alla distruzione dell’habitat, quindi mi chiedevo da dove avremmo dovuto iniziare a proteggere tutti questi habitat. Ho anche pensato che per essere realistico dovevo dare delle priorità ai nostri sforzi e il miglior punto di partenza sono i luoghi designati come hotspot della biodiversità, che compongono circa il 2,3% della massa terrestre. Questi hotspot di biodiversità sono luoghi in cui vi è un’elevata presenza di endemismo e di animali e piante che sono minacciati nell’immediato. Ho pensato che il meglio che noi, comuni cittadini del mondo, possiamo fare è andare ad acquistare insieme queste terre, trasformandole in aree protette. In seguito mi sono reso conto che in realtà più del 50% degli hotspot di biodiversità in tutto il mondo si trova in terre private. Mi ci sono voluti circa 10 anni per pensare all’idea di TiME. Ho scritto i miei pensieri sulla base della mia esperienza nelle ONG ambientali (facevo parte del consiglio di amministrazione di diverse importanti ONG in Israele insieme al mio lavoro accademico) e delle mie conoscenze accademiche.

A chi si avvicina per la prima volta al progetto TiME viene in mente l’acquisto di terreni per il rimboschimento e l’insediamento effettuato dal KKL sin dagli anni ’20, prima dell’istituzione dello Stato di Israele. È corretto dire che questo ti ha in qualche modo ispirato?

In realtà, l’idea di acquistare terreni per la conservazione non è affatto una mia idea. Ci sono alcune organizzazioni di questo tipo in tutto il mondo che lo fanno. Sapevo di loro quando ho fondato TiME, ma ero anche consapevole del fatto che non sono così popolari perché la gente non ne ha sentito parlare in quanto non stanno cercando di coinvolgere troppa gente. Queste organizzazioni hanno spesso un carattere aristocratico in quanto mirano ad attirare l’attenzione dei ricchi. Volevo un’organizzazione molto semplice, con i piedi per terra e accessibile, in cui tutti potessero contribuire e sentirsi bene con se stessi. Quindi la risposta breve è no. Non avevo in mente il KKL, ma altre organizzazioni per la conservazione da cui volevo prendere le cose buone, lasciarmi alle spalle le cose non così buone e creare un’organizzazione migliore. Questo è anche il motivo per cui ho deciso che il 100% di tutte le donazioni andrà all’acquisto di terreni e non ci saranno spese generali. Quindi un bambino, donando la sua indennità settimanale, sa esattamente (anche noi siamo molto trasparenti) dove vanno a finire i suoi soldi. In effetti, abbiamo molti giovanissimi che donano, ad esempio bambini di tutto il mondo che hanno donato i loro regali in denaro per il Bar/Bat Mitzvah.

Leggendo la mission di TiME, colpisce positivamente che le terre acquistate vengano cedute alle popolazioni locali, che ne diventano proprietarie. Avete avuto difficoltà da parte delle varie organizzazioni statali nell’applicazione di questo principio?

Negli anni in cui insegno biologia della conservazione ho sempre detto ai miei studenti che i migliori piani di gestione coinvolgono la gente del posto. Sono stato felice di poter applicare questa idea in TiME. Abbiamo un sistema di tutela multilivello in cui i locali possono possedere la terra e diamo loro piccoli appezzamenti per fare la loro agricoltura e guadagnarsi la vita a vita, oltre a una ONG ambientale locale che si assicura l’accordo legale firmato con loro per proteggere la terra è adempiuto, e soprattutto funzionari e volontari di TiME in tutto il mondo che sovrintendono alle attività delle ONG. Le ONG locali sono felici di partecipare.

Un altro fattore sorprendente è la natura democratica con cui vengono prese le decisioni. Come funziona? C’è l’effettiva partecipazione della maggioranza dei donatori?

Infatti, permettiamo a ogni donatore di prendere parte al processo decisionale. Il denaro viene distribuito tra i progetti in base alla percentuale di voti che ciascuno riceve. Quindi, se per esempio una terra in Colombia ha ricevuto il 50% dei voti, questa terra guadagnerà il 50% dei soldi. A ogni voto la percentuale può cambiare, e non appena una determinata terra raggiunge il minimo necessario per l’acquisto interrompiamo il processo di votazione e la acquistiamo con i soldi guadagnati. I progetti che non sono stati completamente finanziati portano i fondi guadagnati all’anno successivo. L’idea è che non vogliamo solo i soldi dei membri, ma anche il loro coinvolgimento emotivo. Naturalmente, non tutti vogliono prendere parte a questo processo democratico. Alcuni dicono che poiché tutte le terre sembrano essere ugualmente importanti non riescono a prendere una decisione.

Dove l’acquisto di terreni ha prodotto i risultati più significativi? E dove meno?

Un primate della specie Atele

È troppo presto per dire qualcosa sull’impatto. La scorsa settimana abbiamo ricevuto le foto da una fotocamera da pista che abbiamo installato in un terreno acquistato nell’alta Amazzonia in base alla campagna di successo del 2017, che mostra il vulnerabile orso dagli occhiali. Questo dato un senso alla mia giornata! Meno di un anno fa, abbiamo inviato uno dei nostri volontari in Colombia per controllare il terreno che abbiamo acquistato lì. È una terra molto importante in quanto collega diverse macchie di foreste con gruppi di primati della specie atele bruno in pericolo di estinzione. Questo volontario ci ha inviato le foto del sito con la sua incredibile fauna selvatica dicendo che è il posto più bello in cui sia mai stato. Una degli insegnanti di biologia (abbiamo una piattaforma educativa K-12 basata sul sito Web di TiME, che copre biologia, geografia, lingua, scienze sociali e altro) che ha insegnato TiME nella sua classe, ha inviato quelle immagini ai suoi studenti laureati che hanno studiato questo sito in Colombia in classe un anno prima. Quegli studenti laureati, che erano soldati, hanno risposto con gioia ed emozione, inviandole felici feedback emotivi dalle basi dell’esercito in tutto il paese.

 

Dove pensate di intervenire nel prossimo futuro?

Abbiamo completato quest’anno con la raccolta di fondi per una terra in Belize e una terra in Kenya. Entrambe in aree iconiche. Quest’anno (2022) avremo più terre in Sud America, ma credo che continueremo a lavorare in Africa. La nostra sfida ora è cercare anche terre che possiamo salvare in Asia.

Qual è la più grande sfida globale che tutti noi dobbiamo affrontare per proteggere l’ambiente?

L’umanità ha due grandi sfide importanti: il cambiamento climatico globale e l’estinzione delle specie. Riscaldiamo la Terra a una velocità simile alla scarica di 4 bombe atomiche al secondo. Distruggiamo le foreste a una velocità simile a quella di una foresta grande quanto un campo da calcio ogni secondo. Questi numeri mi tengono sveglio la notte.

Nella sua esperienza di professore e ricercatore, soprattutto nella Valle dell’Arava, può dirci a che punto è Israele nella protezione della fauna e delle specie in via di estinzione?

Il professor Alon Tal (che è un co-fondatore di TiME) e io abbiamo formulato una legge che richiederà al Ministero dell’Ambiente di segnalare alla Knesset i cambiamenti nelle condizioni della natura in Israele sulla base di specie indicatrici. La scorsa settimana abbiamo avuto una prima audizione pubblica su questa proposta di legge e speriamo che venga approvata e, in tal caso, riteniamo che migliorerà il modo in cui il pubblico e il governo si relazionano con la natura in Israele. Gran parte di Israele si trova all’interno di quel 2,3% di aree calde di biodiversità mondiale menzionate sopra, ma inoltre è molto importante dal punto di vista biogeografico (principale rotta migratoria degli uccelli, una terra che collega i continenti e altro). Israele è un paese molto ricco di biodiversità e abbiamo un’alta responsabilità per il mondo e per le generazioni future per proteggere la sua natura. Abbiamo già perso parecchie specie che si sono estinte in brevissimo tempo. Dobbiamo sforzarci a fare meglio.

 

Per tutte le altre informazioni vai sul sito di  TiME 

Foto di copertina:

“Young Spectacled Bear” by tubblesnap sotto licenza CC BY-NC-SA 2.0

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter