CEN Sindaco Napoli ambasciatore Israele

E’ arrivato l’ambasciatore

 Dror Eyar, ambasciatore d’Israele, e Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, si sono ritrovati insieme in una storica visita alla comunità di Napoli, per omaggiare uno dei suoi testimoni più importanti: Tullio Foà

Il tempio della comunità ebraica di Napoli

Ambasciatore e sindaco in vista Pomeriggio importante per la Comunità ebraica di Napoli, quello del 16 maggio. Si sono festeggiate infatti due “prime volte” insieme: la visita dell’Ambasciatore di Israele Dror Eydar e quella del neo sindaco di Napoli, Prof. Gaetano Manfredi, che in questa sua prima visita in Comunità ha voluto premiare Tullio Foà, straordinario testimone della persecuzione razziale in un numero elevatissimo di incontri nelle scuole del territorio.

Il nostro piccolo tempio era affollato da altri consiglieri comunali, dal Rettore della Federico II, dal Presidente di Italia-Israele, e, soprattutto da tanti iscritti alla CEN. L’introduzione del programma del pomeriggio è avvenuto da parte del Consigliere CEN Daniele Coppin, cui sono seguiti i saluti della Presidente Lydia Schapirer, che ha sottolineato come la nostra identità ci porti ad amare tanto Napoli quanto Israele. Il Rabbino Capo Ariel Finzi ha sottolineato quanto sia bello ritrovarsi fra Amici, e, per l’occasione, ha addobbato l’Aron con un parochet azzurro, colore simbolico di Israele e di Napoli.

È seguita una mia breve esposizione, che ha sintetizzato in pochi minuti 2000 anni di presenza ebraica a Napoli e nel meridione d’ Italia, compresa la cacciata del 1540, e il ruolo della Famiglia Rothschild per la rinascita della comunità dopo l’Unità d’Italia. Infine, gli effetti delle leggi razziali e il salvataggio di tutti gli ebrei di Napoli grazie alle 4 Giornate.

militari alleati a Napoli nel 1943

L’Ambasciatore Eydar, a Napoli per il Techagriculture meeting “Italia-Israele: L’agricoltura incontra l’innovazione”, ha sottolineato i legami tra i due paesi e ha auspicato i migliori successi per questi incontri di studio, ricerca e business.

Il Sindaco ha sottolineato l’importanza della presenza ebraica a Napoli che, pur formata da piccolissimi numeri, ha sempre dato un importante contributo allo sviluppo sociale, economico, culturale della città.

Tullio Foà Napoli
Tullio Foà, ultimo ebreo napoletano testimone della presenza dei nazisti a Napoli.

Infine, con grande emozione di tutti i presenti che vogliono bene a Tullio Foà per la sua umanità, simpatia e affetto, abbiamo assistito alla sua premiazione da parte del Sindaco, che ha esaltato il suo infaticabile impegno di testimoniare quello che è stato e che ha vissuto in prima persona con numeri elevatissimi di incontri in scuole di ogni ordine e grado.

A quattr’occhi, al momento del commiato, ho ricordato all’ Ambasciatore Eydar che più di 30 anni fa, ricevendo il suo predecessore Pazner, gli avevo fatto notare come tutti noi ebrei della diaspora, particolarmente nelle Comunità piccole, siamo un po’ tutti ambasciatori di Israele.

Leggi anche:

Napoli, una comunità tenace

Napoli, comunità solidale

 

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter