Ebraismo italiano

Ebraismo italiano

Una nuova sede per il CDEC

Una nuova sede per  aprirci (ancora di più) ai giovani studiosi e alla città Gadi Luzzatto Voghera, direttore del CDEC, spiega cosa potremo aspettarci dai nuovi spazi e dalla nuova collocazione del Centro Gadi, perché il Cdec cambia sede? Anche se un po’ a malincuore, la verità è che era necessario, e forse anche opportuno, che si realizzasse questo trasferimento,

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

ll Memoriale-Binario 21 e il CDEC insieme per la tutela della memoria e per la città di Milano

Il Memoriale-Binario 21 e il CDEC insieme per la tutela della memoria e per la città di Milano Roberto Jarach, presidente della Fondazione Memoriale della Shoah-Binario 21, si prepara all’inaugurazione dei nuovi spazi del Memoriale, che ospiteranno dal 15 giugno anche la nuova sede del Cdec e la più grande biblioteca italiana sulla storia della Shoah nel nostro Paese Roberto

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

I risarcimenti per i crimini nazisti? Non sembra questa la strada giusta

I risarcimenti per i crimini nazisti? Non sembra questa la strada giusta Marco De Paolis, procuratore generale militare, spiega a Riflessi perchè il recente fondo stanziato dallo Stato italiano per risarcire le vittime dei crimini nazisti rischia di essere uno strumento inadeguato e rischioso per le vittime Dottor De Paolis, da poco più di un mese tutti coloro che furono

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

La nostra resilienza va riconosciuta

La nostra resilienza va riconosciuta Roque Pugliese, ebreo calabrese, racconta la realtà dell’ebraismo meridionale, fatto di tenacia, marranesimo e amore per Israele Dottor Pugliese, che significa oggi essere un ebreo del sud? Deve immaginare che i marrani nel meridione hanno vissuto per secoli nascosti, facendo lo Shabbat “in cantina”, ossia nelle condizioni più difficili. Gli ebrei del sud col tempo

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

L’Hashomer Hatzair per l’Ucraina

L’Hashomer Hatzair per l’Ucraina Giulio Piperno è uno dei tanti giovani che si è prodigato in aiuto dei bambini profughi dall’Ucraina. Gli abbiamo chiesto di raccontarci qualche impressione a caldo, al ritorno dal suo lavoro di volontariato, svolto a fine aprile, e a circa tre mesi dall’inizio dell’invasione russa La guerra in Ucraina ha sconvolto tutto. Il tabù della guerra

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Nella nostra comunità c’è un problema di rispetto

Nella nostra comunità c’è un problema di rispetto Nel mese dedicato in tutto il mondo all’identità LGBTAI+, Ariel Heller, attivista della nostra comunità, mette in evidenza il rischio di intolleranza che serpeggia nel mondo ebraico, a partire dal luogo che dovrebbe essere più inclusivo: la nostra scuola Ariel, abbiamo già intervistato Raffaele Sabbadini, vice-presidente di MDKI, ma confesso di non

Leggi Altro »
CER

Un anno di Riflessi

Un anno di Riflessi L’11 maggio 2021 Riflessi iniziava le sue pubblicazioni on line: un anno dopo, è tempo di primi bilanci Oggi, se permettete, parliamo un po’ di noi. E di voi. Riflessi è nata poco più di un anno fa. All’inizio quasi sconosciuta, ha cominciato a far sentire la sua voce dentro la comunità di Roma e poi,

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Odore di Torah

Odore di Torah Apparentemente, Shavuot non ha una mitzvà che la caratterizza come gli altri Haggim. tuttavia, a pensarci bene, anche questa festa è legata a una delle dimensioni più caratteristiche della persona: l’olfatto Fra i vari chagghim, la festa di Shavu’ot non presenta delle mitzwot che la caratterizzino in modo evidente. Ogni festa, infatti, ha i propri suoni, i

Leggi Altro »
CER

Studiamo per avvicinare tutti gli ebrei alla Torà

Studiamo per avvicinare tutti gli ebrei alla Torà Da 8 anni a Roma opera un gruppo di giovani insegnanti di Torà: è il Kollel, che nasce da una esperienza diffusa in tutta Europa. Ce ne parla David Tesciuba, uno degli organizzatori David, quando è nato il Kollel Roma? È nato 8 anni fa, la notte di Lag Ba-omer. La prima

Leggi Altro »
Ebraismo italiano

Portare la cultura italiana in Israele

Portare la cultura italiana in Israele Davide Denina è da meno di un anno il nuovo direttore dell’Istituto italiano di cultura ad Haifa. A Riflessi racconta la sua prima esperienza internazionale Davide Denina, a 33 lei è uno dei nuovi direttori nominati dal Ministero degli esteri per guidare gli Istituti italiani di cultura  (IIC) nel mondo. Innanzitutto, come si diventa

Leggi Altro »

Condividi

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter

Nome*
Per inviare questo modulo, devi accettare la nostra dichiarazione sulla privacy*