Cerca
Close this search box.
Ebrei Argentini

Diamo uno sguardo oltreoceano con Javier Sinay premiato giornalista ebreo di Buenos Aires e scrittore di diversi libri di cronaca, che ci parla del giornalismo ebraico e della sua Argentina.

Il giornalista e scrittore Javier SinayIn un tuo interessante articolo su Tabletmag, racconti “L’era eroica del giornalismo ebraico”, come lo definisce il giornalista russo Pine Katz (emigrato in Argentina nel 1906), ovvero il periodo compreso tra il 1898 e il 1914 in cui vi fu un fiorire di riviste ebraiche, molte in yiddish. Quanto ha segnato questo periodo l’integrazione degli ebrei immigrazione in Argentina?

Lo ha segnato molto. Il breve periodo 1898-1914, di soli 16 anni, fu un periodo entusiasmante. In quegli anni nacquero o mossero i primi passi alcune istituzioni che sarebbero poi pilastri della comunità ebraica argentina, e i loro protagonisti furono un manipolo di irrequieti Don Chisciotte. Una forte politicizzazione percorreva la comunità ebraica: nei suoi sindacati e nelle sue strade c’erano gli attivisti socialisti-yiddish del Bund, gli Iskrovze fedeli a Lenin, i sionisti-socialisti S.S.ovetz, gli operai sionisti di Poalei Tzion, gli anarchici, socialisti e sionisti. La repressione della rivoluzione russa del 1905 portò in Argentina un buon numero di ribelli; tra loro, Pine Katz. “Tutto [nella comunità ebraica dell’Argentina] era come una miniatura di com’era la vita ebraica in Russia e in Polonia”, scrive.

I dibattiti per la colonizzazione agricola ebraica in Argentina completarono il panorama dell’epoca. Quando iniziò la stampa ebraica a queste latitudini, c’erano già cinque colonie (Moisés Ville, Mauricio, Clara, San Antonio e Lucienville), e intorno al 1914 erano tredici. La Jewish Colonization Association (JCA), fondata dal barone de Hirsch nel 1891, nacque per trasferire migliaia di ebrei impoveriti dall’impero zarista in America. Ma con la morte del barone, nel 1896, il piano fu lasciato nelle mani di funzionari malvoluti nelle colonie. La colonizzazione agraria era stata a lungo ambita dal popolo ebraico, ma la richiesta da parte dei coloni di pagare tasse severe per la terra e il rifiuto di dare loro appezzamenti per i loro figli portarono conflitti.

Alcuni di questi pionieri del giornalismo ebraico avevano il tuo cognome. Sono sono i tuoi antenati? Se sì, quanto conta questa esperienza familiare influenzato la tua scelta di lavoro e di vita?

Libro Sinay
L’edizione italiana del libro di Javier Sinay La Strade per l’Est (Ed. Gran Via).

Sì, sono i miei antenati: Mijl (Mikhl) Hacohen Sinay, il mio bisnonno, e suo padre, un rabbino chiamato Mordejai (Mordechai) Reuben Hacohen Sinay. Quando nel 2009 ho iniziato a fare delle ricerche sul mio passato familiare per quello che poi sarebbe stato il libro “Los crímenes de Moisés Ville” (pubblicato in spagnolo nel 2013 e in inglese nel 2022 come “The Murders of Moisés Ville”), probabilmente sapevo molto meno della mia famiglia di quanto, in realtà, avrei creduto. A un certo punto avevo sentito la parola “Grodno“–il rabbino e la sua famiglia di 6 figli emigrarono da Grodno (Bielorussia) a Moisés Ville (Argentina) nel 1894. Ma avrei fallito in qualsiasi tentativo di localizzare la città su una cartina. Non avevo idea di molte cose dei miei antenati ma i crimini di Moisés Ville custodiscono al loro interno, come un vaso di Pandora, i segreti della mia storia e della mia identità ebraica. Pur discendendo da un rabbino, nella mia vita non ho conosciuto nulla della liturgia ebraica se non per vaghe approssimazioni. Quindi è stato fantastico avere la possibilità di scoprire queste zone della mia stessa identità attraverso il mio lavoro di autore. E, ora lo so, l’influenza è stata silenziosa ma grande: ci sono stati molti giornalisti e autori nella mia famiglia. Il rabbino, ad esempio, pubblicò alla fine del 1800 articoli di opinione sui giornali ebraici di Russia e Argentina.

Hai scritto molto su Moisés Ville, la cittadina agricola argentina denominata “la Gerusalemme del Sud America” fondata da una comunità di immigrati ebrei ucraini. È una storia affascinante, anche con risvolti da thriller, che per certi versi è tornata di attualità con la guerra in corso. Ce ne puoi parlare brevemente?

Il ritratto del barone Maurice De Hirsch, nato a Monaco nel 1831, e morto in Slovacchia, nel 1896

Il barone Moritz (o Maurice) von Hirsch, vissuto dal 1831 al 1896, fu uno dei più importanti filantropi della fine del XIX secolo. Come il barone Rothschild, sostenne l’esodo degli ebrei dall’impero zarista, ma, a differenza di lui, cercò di dirigerlo verso l’America perché temeva che l’impero russo sarebbe avanzato sugli ottomani e avrebbe preso Gerusalemme, e cacciato gli ebrei da una parte dell’Impero zarista per portarli in un altro non aveva senso. Ha fondato nel 1891 la Jewish Colonization Association (JCA). La JCA ha acquistato terreni principalmente in Argentina, Brasile, Canada e Stati Uniti, supportata da un capitale di due milioni di sterline (equivalenti a 120 milioni di sterline nel 2020), anche se poco tempo dopo il Barone lo ha quadruplicato. L’organizzazione del barone de Hirsch superava tutti i fondi pubblici ebraici in Europa e in America messi insieme ed era, infatti, il più grande ente di beneficenza nel mondo di fine secolo. La sua filantropia era concepita come un affare: il capitale investito doveva crescere senza sosta per alimentare il lavoro, ei coloni dovevano pagare per la loro terra. La prima colonia ebraica argentina fu fondata nel 1891 e si chiamava “Mauricio“. Prima, nel 1889, era stata fondata Moisés Ville, nella provincia di Santa Fe (da coloni indipendenti), e poi è stata rilevata anche dalla JCA. Nel corso del XX secolo sono state create decine di colonie: da esse è nata la leggenda dei “gauchos ebrei”. Nel 1925, con il fiorire economico e culturale del sistema, nelle campagne argentine si stimava una popolazione di 35.000 ebrei. La JCA si è ritirata dall’Argentina nel 1975, ma esiste ancora in Israele, dove promuove lo sviluppo agricolo, educativo e turistico della Galilea e del Negev. C’erano stati molti conflitti tra la JCA e i coloni. Eva Guelbert de Rosenthal, ex direttrice del Moisés Ville Colonization Museum, mi ha detto: “Il dibattito è molto arduo, e c’è molto da dire, perché il JCA ha i suoi lati positivi e i suoi lati negativi. Bisogna tenere a mente che il suo sguardo era puntato a salvare gli ebrei e non a farli diventare ricchi; da quel momento in poi, se ognuno sarebbe cresciuto o meno sarebbe stata sua responsabilità. Tutto il conflitto che si è verificato qui è stato colpa del barone de Hirsch, che aveva un’idea altruistica per la trasformazione produttiva del popolo che lavorava la terra? Anche se il Barone morì dopo pochi anni, ottenne un grande riconoscimento perché, se non fosse stato per lui, molti non si sarebbero salvati. Poi restarono gli amministratori, che dovettero consultare Parigi su tutto: burocrazia e severità provocarono scontri con i coloni, ma allo stesso tempo, in tutte le colonie, furono create scuole, ospedali e biblioteche, per i residenti dell’intera regione. La mentalità era quella del progresso. E penso che, se facciamo un’analisi obiettiva, il bilancio è in definitiva positivo. Il salvataggio del popolo tedesco che fu portato qui poco prima della seconda guerra mondiale fu molto tempestivo e, d’altra parte, che ne sarebbe stato degli immigrati portati all’inizio del secolo se fossero rimasti in Europa?

Andando oltre, alla fine della seconda guerra mondiale, come vissero gli immigrati ebrei in Argentina il fatto che il paese era anche un rifugio per ex-nazisti?

 Penso che sia stato qualcosa che è successo in molti paesi. Gli ebrei hanno vissuto una vita normale la maggior parte del tempo qui in Argentina. C’è stata una crescente ondata antisemita nazionalista negli anni ’60 e questo ha prodotto paura, ma non ci sono state grandi aggressioni e le cose sono andate avanti. L’America, come continente, è una terra di comunità e identità miste e l’Argentina, essendo uno dei paesi con più immigrazione, ne fa parte. Ma questo è solo il mio punto di vista: non ho fatto ulteriori ricerche su questo argomento.

Guardando al presente e al futuro, come vedi la situazione in Argentina per gli ebrei? Esiste l’antisemitismo?

L’Argentina è un buon posto dove vivere per gli ebrei. Non trovo antisemitismo serio negli ultimi 25 anni, gli ebrei fanno parte del governo nazionale (con Kirchner e con il suo oppositore, Macri) e circa il 10% della popolazione della città di Buenos Aires è ebrea o ha origini ebraiche . L’antisemitismo è lontano dallo 0% in Argentina, ovviamente, come in molti paesi, ma secondo me oggi non è un problema.

In alto, una antica foto di famiglia di Javier Sinay:  Mijl Hacohen Sinay, a destra, sua moglie, Lea Raginsky, e due amici.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi:

L'ultimo numero di Riflessi

In primo piano

Iscriviti alla newsletter